La pioggia dopo lo scirocco

Ho avuto l’ onore di avere in anteprima questo libro scritto da Francesca Piazza, ma ho aspettato che fosse presentato al publico prima di postare la mia recensione. Vi invito a comprarlo , a leggerelo, ad innamorarvi di Lucia e del suo mondo. La cercherete per strada tra occhi sconosciuti, amerete Palermo e la Sicilia.
E alla fine forse ritroverete un pò di voi stessi….

” La pioggia dopo lo scirocco è la storia di Lucia, ragazza nata e cresciuta in un paesino siciliano intorno agli anni 50. E’ la storia di un cambiamento, un passaggio che gradualmente porta la protagonista a stravolgere il modo in cui guardare a questo mondo. Il libro è un tuffo nella Sicilia di altri tempi, fatta di unomini d’ onore, di segnali, di sguardi, di mezze parole. Lo scirocco di per se porta sempre novità, questo vento caldo proveniente da sud-est che quando tocca il suolo mescola polvere e pensieri, ti invita a fermarti e a riflettere. Ma è l’ acqua, la pioggia dopo lo scirocco, che purificando, porta a vita nuova. Ma non senza conseguenze.

Ci sono percorsi (ognuno ha il suo) che sono stati delineati da Qualcuno. Spesso è il dolore che ci accompagna, a volte l’ amore, spesso l’ illusione e, peggio ancora, la disillusione. Alla nascita ci viene consegnato il nostro libro, ma non ci viene permesso di leggerlo tutto ad un fiato, ma pagina per pagina, giorno dopo giorno. Possiamo fare dei giri immensi, possiamo amare nei modi più disparati, cambiare strada e poi tornare sui nostri passi, ma tutto va per come deve andare, perchè è cosi che doveva andare.
Nessuno su questa terra è peccatore: tutti abbiamo un ruolo assegnato e agiamo in funzione di quel ruolo. Non ci è dato nemmeno conoscere il fine ultimo, neanche quello. Ci perdiamo, assaliti da dubbi, successioni di “se” e di “ma” che tormentano l’ esistenza ma che allo stesso tempo fungono da trampolino per la fase successiva. Le emozioni, che hanno il potere di bypassare la ragione, vanno vissute, perchè sono quelle a guidarci anche se spesso ci confondono, anche se molto spesso ci fanno sbagliare strada; sono come animali selvaggi: non le puoi domare, come i lupi, seguono il loro istinto.
Trovare il giusto compromesso tra mente e cuore è difficilissimo, ma è in questa ” lotta” interiore che ogni individuo trova la propria strada.
C’e’ un filo rosso che lega le persone che incontriamo ( secondo un antica credenza giapponese). In realtà questo filo rosso non è altro che quel pezzo di strada che si percorre assieme alle persone che incrociamo lungo il nostro cammino, storie che si intrecciano, si spezzano, ritornano, anche se ci ritroviamo da soli a scegliere quale strada seguire.
Lucia, Lorenzo, Giulio, Costantino, sono peronaggi veri, reali, in eterna lotta tra quello che sentono e quello che la società ha loro imposto. Si sentono liberi solo quando trovano qualcuno in compagnia del quale non hanno bisogno di maschere da indossare e possono rivelarsi in tutta la loro natura.
Infondo è questa la vera libertà.”

Pino Mignano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...