Giù le mani dalla mia città…

Di solito non entro mai in discussioni su Facebook, mezzo che uso principalmente per passare qualche minuto di spensieratezza assieme ai miei amici virtuali, visto che nella realtà ho sempre meno tempo per dedicarmi agli amici reali. Pubblico foto, scrivo, ogni tanto mi prendo in giro…

Cercare di discutere su Facebook, cosi come in chat, non puoi mai portare a niente di buono: quando si deve discutere con qualcuno occorre guardarlo in faccia, occorre percepire i toni con i quali si afferma quel determinato concetto, bisogna insomma instaurare un confronto a viso aperto, confronto che può avvenire tra due al massimo tre persone per essere costruttivo, altrimenti si rischia di scadere nella mediocrità.

Qualche giorno fa leggo su “Sei di carini se”, gruppo fondato da due miei cari amici con l’ intento di promuovere la nostra città (tramandandone usi, costumi, tradizioni), di una ragazza che pubblicamente ringraziava i moderatori del gruppo per essere stata accolta nel gruppo. Lei, che pur non essendo carinese, ma fidanzata con un carinese, non vede l’ ora, entusiasta, di visitare la nostra città, conosciuta solo attraverso i racconti del suo ragazzo.

Tra i tanti commenti di benvenuto, ho trovato davvero fuori luogo commenti in cui gli autori disprezzavano il nostro paese. Nessuno, dico nessuno, si deve permettere di parlare della mia Carini, luogo in cui sono nato e dove vivo. La nostra non sarà la città più bella del mondo, avrà mille problemi, mille contrasti, mille cose da risolvere, ma è la NOSTRA CITTTA’, un pezzo del nostro cuore. Da quasi 10 anni ormai, mi batto per portare alla ribalta le bellezze di questa terra: attraverso le mie foto, i miei video in diretta, le collaborazione a vari titolo con le associazioni locali. Non è protagonismo è solo amore per ciò che ci circonda, amore per la mia gente, amore per chi a malincuore ha lasciato la propria terra..E ne conosco tanti che alla prima occasione lasciano il posto che ha offerto loro lavoro e dignità, per tornare a Carini, luogo di ricordi, luogo di emozioni vissute e mai dimenticate. Quando parlate male della vostra città vi gettate fango addosso da soli. Quando parlate male della vostra città è come se parlaste male della vostra mamma. E la mamma non si tocca!

Pino Mignano – 08 agosto 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...